Conoscere come sono fatte le persone dei vostri team

Performance in miglioramento

conoscere

A volte mi chiedo quante aziende riflettano davvero sull’importanza di conoscere a fondo le persone dei propri team. Sicuramente lavorano molto per mettere le persone giuste nei giusti ruoli, ma credo che sempre di più vada posta attenzione a come sono formati i team, a come possono essere amalgamati, a quanto sia importante per i diversi leader dei team conoscere  a fondo le proprie persone, ma anche quelle altrui.

Mi ha particolarmente colpito leggere la creazione di figurine su ogni collaboratore da parte di un’azienda e l’importanza che danno alle valutazioni psicometriche.

Utilizzano 4 test:

– indicatore Meyers e Briggs

– il workplace personality inventory

– il team dimensions profile

stratified system theory

E già stanno lavorando con il metodo big five…

Comprendere che avere un  team fatto tutto di personalità D – dominant può essere un disastro totale, o che necessitiamo di avere persone diverse in un progetto o che interagire o approcciare allo stesso modo personalità diverse non porterà a grandi benefici, diventa  sempre più importante in organizzazioni complesse.

Per organizzazioni complesse si intendono non solo grandi aziende, dove la complessità fa parte della dimensione, ma può essere relativa a piccole e medie aziende che devono gestire una pletora di fornitori.

Quanti sono quelli che realmente riflettono su queste tematiche? Buoni risultati possono essere raggiunti solo con il contributo fattivo di tanti, ma per ottenere il contributo (o l’engagement) serve studiare l’approccio giusto.

Il Disc profile l’ho utilizzato anche in uno dei miei eventi di team building e devo ammettere che è di una potenza straordinaria.

Se davvero volete raggiungere risultati straordinari, mettete le persone al primo posto, ma sappiate che non vi basterà solo dichiarare “People first”, ma vi dovrete applicare moltissimo.

Esattamente come ha fatto e sta facendo Ray Dalio con la sua Bridgewater Associates, uno dei maggiori hedge fund del mondo. Il suo libro “Principles” è pieno di incredibili spunti per chi fosse interessato a creare una cultura aziendale adeguata.

Se ti serve un facilitatore su questi concetti ,qualcuno che ti aiuti a costruire una mappa per sviluppare meglio la tua cultura aziendale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *